Ovo, galìna e cul caldo

Schizzi su iPad con Paper

Dalle mie parti, volere “ovo, galìna e cul caldo” è un’espressione popolare, molto utilizzata in campagna, chi pretende tutto senza fatica, con il massimo della comodità.

L’App per disegnare che mi piace di più su iPad è sicuramente Paper, gratuita nella versione base.

La trovo intuitiva, un’esperienza davvero notevole anche per chi non sa disegnare. Riesce a far diventare interessanti anche gli schizzi più insignificanti. Nelle presentazioni sono di grande efficacia.

Di recente, per altre esigenze, gli amici del forum mi hanno consigliato SketchBook Express, gratuita anche questa, versione Pro a pagamento.

Carico una foto o un disegno salvato nella libreria delle immagini, ci metto sopra una velina e via di ricalco. Come si faceva da bimbi, per ricalcare i fumetti più in voga.

Però mi trovo male con gli strumenti da disegno. Troppi e incasinati per i miei gusti, e del resto difficile aspettarsi qualcosa di diverso, visto che l’applicazione è realizzata da Autodesk, gli stessi di AutoCAD.

Non ho dubbi che quelli bravi con i software di disegno e di CAD se la caverebbero egregiamente, io riesco a perdermici. Non oso immaginare la versione Pro.

L’ideale sarebbe che SketchBook Express avesse i pennelli di Paper, o che quest’ultimo avesse la possibilità di ricalcare.

Ovo, galìna e cul caldo, appunto…

Pubblicato da

Roberto Rota

Fondatore di Tevac, da quando esiste Internet mi occupo di WordPress, WooCommerce e comunicazione in rete. Maggiori info su di me le puoi trovare sul mio blog personale.

6 pensieri su “Ovo, galìna e cul caldo”

  1. Sketchbook è un’applicazione nata su Mac OS X e portata di peso su iOS; si riesce a sfruttarla al meglio solo con penna+tablet (tipo le Wacom) ma con le dita è difficilissima da utilizzare; Paper, invece, è nata su iOS e non è stata nemmeno mai pensata per Mac, quindi è nata per essere utilizzata con le dita, per questo motivo, credo, con Paper ti ci trovi meglio.

    1. Ciao Maurizio, in realtà usi l’iPad con la penna quando voglio disegnare, mi sono dimenticato di scriverlo. Non deriva da quello la difficoltà, ma dalla complessità e il numero degli strumenti, la derivazione dal cad si vede tutta.

  2. Io alla fine non ho resistito, e mi sono comprato in blocco tutti gli extra di Paper53… notevole, anche se mancano alcune cose che farebbero comodo.

    Oltre al già citato Sketchbook (col quale mi sono trovato anch’io ad averci a che fare) consiglio di dare un’occhiata ad Adobe Ideas, Bamboo Paper, e (scaricato l’altroieri) PaperDesk. Per Riccardino, non puoi non avere “Tavolozza”!!! 🙂

  3. Ciap Puce!!

    Li ho provati tutti meno Adobe Ideas, che mo’ me lo vado a vedere. Paper in ogni caso è una spanna sopra tutti, davvero ineguagliabile.

    Riccardino usa Tavolozza che è una bellezza guardarlo 🙂

    rob

Rispondi